Palazzo di Giustizia Bolzano
Palazzo di Giustizia, eretto tra il 1939 e il 1956
Piazza del Tribunale e i suoi edifici

Certificazioni casellario giudiziale


 Descrizione generale

 

Su richiesta della persona interessata vengono rilasciati

  • certificato generale contenente tutti i provvedimenti giudiziari irrevocabili, in materia penale, civile ed amministrativa (comprende nello stesso certificato le iscrizioni del certificato penale e civile), nonché del certificato penale che contiene solo i provvedimenti giudiziari irrevocabili di natura penale;
  • certificato casellario europeo (ECRIS) su richiesta del cittadino italiano (art. 25-ter comma 1 t.u.) e su richiesta del cittadino di altro Stato membro o di Paese extraeuropeo, contenete le informazioni con valore legale sui precedenti penali europei.
  • visura del casellario, estratto completo senza valore certificativo e privo dell’indicazione dei dati anagrafici (cioè anonimo), il quale riporta tutti i provvedimenti definitivi previsti dalla legge a carico del richiedente in materia penale, civile ed amministrativa
  • certificato dei carichi pendenti, su base locale, contenente l'indicazione dei procedimenti penali in corso, nei quali il richiedente abbia assunto la qualità di imputato, come previsto dall'art. 60 c.p.p. In dettaglio attesta l’esistenza o l’inesistenza di procedimenti penali pendenti (per i quali le indagini sono terminate e viene formulata l’imputazione e che non siano ancora definiti con provvedimento irrevocabile) a carico di una persona limitatamente al periodo di residenza nella Provincia di Bolzano.

Su richiesta del datore di lavoro ai sensi dell'articolo 25 bis del t.u. viene rilasciato

  • certificato penale contenente condanne per i reati previsti agli articoli 600-bis, 600-ter, 600-quater, 600-quater.1, 600-quinquies e 609-undecies del codice penale, nonché sanzioni interdittive all'esercizio di attività che comportino contatti diretti e regolari con minori, ovvero l'interdizione perpetua da qualunque incarico nelle scuole di ogni ordine e grado, nonche' da ogni ufficio o servizio in istituzioni o strutture pubbliche o private frequentate prevalentemente da minori e la misura di sicurezza del divieto di svolgere lavori che prevedano un contatto abituale con minori.

L’obbligo di richiedere il certificato sorge solo quando si intenda stipulare un contratto di lavoro e non quando ci si avvalga di semplici forme di collaborazione. La richiesta non va ripetuta alla scadenza della validità del certificato e non va presentata per le persone già impiegate alla data di entrata in vigore della normativa (6 aprile 2014).

Su richiesta del rappresentante legale di società private viene rilasciato

  • Certificato dell'anagrafe delle sanzioni amministrative dipendenti da reato che attesta i provvedimenti giudiziari definitivi che applicano agli enti le sanzioni amministrative di cui al d.lgs. 8/06/2001, n.231 per i reati commessi dai loro organi o preposti.
  • Certificato dell'anagrafe dei carichi pendenti degli illeciti amministrativi dipendenti da reato, su base locale che attesta i provvedimenti giudiziari non definitivi che applicano agli enti gli illeciti amministrativi di cui al d.lgs. 8/06/2001, n.231 per i reati commessi dai loro organi o preposti.


Ulteriori informazioni

I certificati del casellario giudiziale hanno validità di 6 mesi dalla data di rilascio sul territorio nazionale.

Dal 1° gennaio 2012 i certificati del casellario rilasciati ai privati non potranno essere consegnati alle Pubbliche Amministrazioni e gestori di pubblici esercizi. Per effetto dell’entrata in vigore delle modifiche all’art. 40 D.P.R. 445/2000 tutte le certificazioni riporteranno, a pena di nullità, la seguente dicitura: “Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o privati gestori di pubblici servizi (art. 40 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445), fatta salva l’ipotesi in cui sia prodotto nei procedimenti disciplinati dalle norme sull’immigrazione (d.lgs. 25 luglio 1998, n. 286 e circolare del Ministero della pubblica amministrazione e la semplificazione e del Ministero dell’Interno n. 3/2012)”. Tale disposizione non si applica per le pubbliche amministrazioni straniere.

I privati, ai sensi dell’art. 46 D.P.R. 445/2000, potranno autocertificare i fatti e le qualità personali oggetto del certificato del casellario, in sostituzione del certificato emesso dall’ufficio del Casellario Giudiziale.

L’Ufficio è esentato da ogni responsabilità per le false dichiarazioni rese dagli interessati o da terzi (art. 73 D.P.R. 445/2000).

Per la richiesta di permesso di soggiorno e della cittadinanza italiana NON occorre allegare il certificato del casellario giudiziale.

Si avvisa che per le informazioni con valore legale sui precedenti europei va indicato il numero del procedimento penale e nel casellario europeo vengono certificate le condanne pronunciate dagli Stati membri interconnessi a partire al 27 aprile 2012

 

Modulistica e allegati

>> Richieste certificati e visura del casellario giudiziale e dei carichi pendenti

      pdfMD CS-03-ITA rich cert gen  (per privati)

  pdf    MD CS-05-ITA delega

Link: prenotazione online https://certificaticasellario.giustizia.it/sac/  (escluso quello europeo e carichi pendenti)

 

>> Richieste certificato anagrafe sanzioni amministrative e anagrafe carichi pendenti illeciti amministrativi

   pdf   MD CS-04-ITA rich cert ente sanz amm

  pdf    MD CS-05-ITA delega

 

Certificazioni casellario giudiziale


 Descrizione generale

 

Su richiesta della persona interessata vengono rilasciati

  • certificato generale contenente tutti i provvedimenti giudiziari irrevocabili, in materia penale, civile ed amministrativa (comprende nello stesso certificato le iscrizioni del certificato penale e civile), nonché del certificato penale che contiene solo i provvedimenti giudiziari irrevocabili di natura penale;
  • certificato casellario europeo (ECRIS) su richiesta del cittadino italiano (art. 25-ter comma 1 t.u.) e su richiesta del cittadino di altro Stato membro o di Paese extraeuropeo, contenete le informazioni con valore legale sui precedenti penali europei.
  • visura del casellario, estratto completo senza valore certificativo e privo dell’indicazione dei dati anagrafici (cioè anonimo), il quale riporta tutti i provvedimenti definitivi previsti dalla legge a carico del richiedente in materia penale, civile ed amministrativa
  • certificato dei carichi pendenti, su base locale, contenente l'indicazione dei procedimenti penali in corso, nei quali il richiedente abbia assunto la qualità di imputato, come previsto dall'art. 60 c.p.p. In dettaglio attesta l’esistenza o l’inesistenza di procedimenti penali pendenti (per i quali le indagini sono terminate e viene formulata l’imputazione e che non siano ancora definiti con provvedimento irrevocabile) a carico di una persona limitatamente al periodo di residenza nella Provincia di Bolzano.

Su richiesta del datore di lavoro ai sensi dell'articolo 25 bis del t.u. viene rilasciato

  • certificato penale contenente condanne per i reati previsti agli articoli 600-bis, 600-ter, 600-quater, 600-quater.1, 600-quinquies e 609-undecies del codice penale, nonché sanzioni interdittive all'esercizio di attività che comportino contatti diretti e regolari con minori, ovvero l'interdizione perpetua da qualunque incarico nelle scuole di ogni ordine e grado, nonche' da ogni ufficio o servizio in istituzioni o strutture pubbliche o private frequentate prevalentemente da minori e la misura di sicurezza del divieto di svolgere lavori che prevedano un contatto abituale con minori.

L’obbligo di richiedere il certificato sorge solo quando si intenda stipulare un contratto di lavoro e non quando ci si avvalga di semplici forme di collaborazione. La richiesta non va ripetuta alla scadenza della validità del certificato e non va presentata per le persone già impiegate alla data di entrata in vigore della normativa (6 aprile 2014).

Su richiesta del rappresentante legale di società private viene rilasciato

  • Certificato dell'anagrafe delle sanzioni amministrative dipendenti da reato che attesta i provvedimenti giudiziari definitivi che applicano agli enti le sanzioni amministrative di cui al d.lgs. 8/06/2001, n.231 per i reati commessi dai loro organi o preposti.
  • Certificato dell'anagrafe dei carichi pendenti degli illeciti amministrativi dipendenti da reato, su base locale che attesta i provvedimenti giudiziari non definitivi che applicano agli enti gli illeciti amministrativi di cui al d.lgs. 8/06/2001, n.231 per i reati commessi dai loro organi o preposti.


Ulteriori informazioni

I certificati del casellario giudiziale hanno validità di 6 mesi dalla data di rilascio sul territorio nazionale.

Dal 1° gennaio 2012 i certificati del casellario rilasciati ai privati non potranno essere consegnati alle Pubbliche Amministrazioni e gestori di pubblici esercizi. Per effetto dell’entrata in vigore delle modifiche all’art. 40 D.P.R. 445/2000 tutte le certificazioni riporteranno, a pena di nullità, la seguente dicitura: “Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o privati gestori di pubblici servizi (art. 40 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445), fatta salva l’ipotesi in cui sia prodotto nei procedimenti disciplinati dalle norme sull’immigrazione (d.lgs. 25 luglio 1998, n. 286 e circolare del Ministero della pubblica amministrazione e la semplificazione e del Ministero dell’Interno n. 3/2012)”. Tale disposizione non si applica per le pubbliche amministrazioni straniere.

I privati, ai sensi dell’art. 46 D.P.R. 445/2000, potranno autocertificare i fatti e le qualità personali oggetto del certificato del casellario, in sostituzione del certificato emesso dall’ufficio del Casellario Giudiziale.

L’Ufficio è esentato da ogni responsabilità per le false dichiarazioni rese dagli interessati o da terzi (art. 73 D.P.R. 445/2000).

Per la richiesta di permesso di soggiorno e della cittadinanza italiana NON occorre allegare il certificato del casellario giudiziale.

Si avvisa che per le informazioni con valore legale sui precedenti europei va indicato il numero del procedimento penale e nel casellario europeo vengono certificate le condanne pronunciate dagli Stati membri interconnessi a partire al 27 aprile 2012

 

Modulistica e allegati

>> Richieste certificati e visura del casellario giudiziale e dei carichi pendenti

      pdfMD CS-03-ITA rich cert gen  (per privati)

  pdf    MD CS-05-ITA delega

Link: prenotazione online https://certificaticasellario.giustizia.it/sac/  (escluso quello europeo e carichi pendenti)

 

>> Richieste certificato anagrafe sanzioni amministrative e anagrafe carichi pendenti illeciti amministrativi

   pdf   MD CS-04-ITA rich cert ente sanz amm

  pdf    MD CS-05-ITA delega

 

Presupposti d'accesso

L’interessato o una persona da lui delegata:

il delegante dovrà in tal caso firmare personalmente sia la richiesta che il conferimento delega in base ai modelli predisposti. Per i minorenni la domanda può essere presentata dal genitore esercente la responsabilità genitoriale. Per gli interdetti la domanda può essere presentata dal tutore che deve esibire il decreto di nomina. Nel caso di carichi pendenti per i minorenni lo stesso viene rilasciato dalla Procura dei Minorenni.

Il datore di lavoro privato:

inteso anche come associazione/organizzazione di volontariato quando intenda impiegare una persona per lo svolgimento di attività professionali o attività volontarie organizzate che comportino contatti diretti e regolari con minori.

 

Documenti richiesti

Compilazione e sottoscrizione del relativo modulo.

  • L’interessato:

Documento originale d’identità valido da esibire e permesso di soggiorno in corso di validità per i cittadini non appartenenti all’Unione Europea.

  • Il datore di lavoro o il rappresentante legale di società/associazione:

Documento originale d’identità valido e l’atto dal quale risulta la rappresentanza legale (ad es: visura camerale). Eventuale idonea documentazione ai fini dell’esenzione del bollo da 16,00 €

Se la richiesta viene inoltrata per posta allegare una busta preaffrancata con il relativo indirizzo di spedizione oltre ad un recapito telefonico oppure indirizzo di posta elettronica.

 

Costi

1 marca da bollo da 16,00 €
1 marca da bollo da 3,87 € (7,74 € se richiesto con urgenza)

Esenzione: per uso adozione non sono richieste marche da bollo.

Per la visura non vi è alcun costo.

 

Tempi e modalità di rilascio

con urgenza, stessa giornata lavorativa, diversamente le richieste vengono evase in uno o più giorni 

 

 

Nel rispetto del regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016, ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web.

Link
istituzionali:
Pres Rep
Gazz Uff
Gazz Uff
Gazz Uff
Gazz Uff